Links utili

Istituzioni sanitarie nazionali

Enti e organizzazioni di settore

Organizzazioni Internazionali

Farmacovigilanza

Legislazione

Siti scientifici e riviste

Detrazioni

Come detrarre dalle tasse la spesa per i farmaci

I costi sostenuti per:

– farmaci non rimborsabili;
– per il ticket di quelli rimborsabili;

rientrano tra le spese sanitarie detraibili dalla dichiarazione dei redditi annuale.

La detrazione prevista è pari al 19% delle spese affrontate durante l’anno.

Per effettuare correttamente il calcolo occorre considerare la franchigia pari a € 129.11(somma per la quale non è prevista alcuna detrazione), per cui, ad esempio, se le spese sanitarie ammontano a € 600.00 avremo un risparmio di € 89.47 (somma che corrisponde al 19% di € 470.89, vale a dire la differenza tra la spesa totale, € 600.00 e la franchigia di € 129.11).

La documentazione da conservare

1. farmaci con obbligo di ricetta:
è necessario conservare una fotocopia della ricetta medica nel caso in cui questa sia ritirata in farmacia al momento dell’acquisto del farmaco. Insieme alla ricetta, deve essere conservato anche lo scontrino fiscale rilasciato dalla farmacia.

2. farmaci da banco acquistati:

a) a seguito di una prescrizione medica: è sufficiente allegare alla dichiarazione dei redditi la ricetta e lo scontrino fiscale rilasciato dalla farmacia.

b) direttamente in farmacia: occorre compilare una dichiarazione sostituiva di atto notorio in carta libera che attesti la necessità di questi farmaci. Questa dichiarazione deve essere corredata da una fotocopia di un documento di identità valido. Sarà sufficiente compilare un’unica autocertificazione per tutti i farmaci che sono stati acquistati durante l’anno dal dichiarante e dai famigliari a carico.

Ricordiamo che la predisposizione dell’autocertificazione è di competenza del cittadino, come pure l’obbligo di conservare la relativa documentazione giustificativa (gli scontrini fiscali).

Alle farmacie spetta solo di emettere il relativo scontrino fiscale.

Altre spese sanitarie detraibili

· Visite mediche (anche OMEOPATICHE).
· Spese odontoiatriche.
· Spese veterinarie.
· Sedute di psicanalisi e psicoterapia.
· Spese chirurgiche.
· Analisi, radiografie e indagini speciali (TAC, ECO, Laser ecc.).
· Degenza e ricovero in ospedali e case di cura.
· Protesi dentarie (dentiere, capsule, apparecchi odontoiatrici ecc.).
· Protesi oculistiche (occhi o cornee artificiali).
· Protesi fonetiche.
· Occhiali da vista, lenti a contatto e liquidi per lenti.
· Apparecchi per non udenti.
· Arti artificiali e apparecchi di ortopedia.
· Stimolatori e protesi cardiache.
· Mezzi per inabili e invalidi (in questo caso non c’è franchigia).